Centri PMA all'estero

Il turismo procreativo è un fenomeno in netto aumento. Spagna, Repubblica Ceca, Grecia, Austria e molti altri sono i paesi stranieri in cui gli italiani si spostano sempre di più in massa, soprattutto grazie al buon vecchio passa parola, che oggi circola velocemente grazie ad internet.

La fecondazione assistita all’estero è una delle vie più percorse per cercare di coronare il proprio sogno di diventare genitori. In Europa, ci sono molti centri specializzati, ma che rispetto ai paesi dell’est, presentano anche costi più elevati.

Cosa si può fare all’estero

I centri di fecondazione assistita all’estero, consentono, con poche limitazioni rispetto all’Italia, tecniche come: FIVET, ICSI, maternità surrogata. Questi sono tutti metodi che rientrano nell’ambito della fecondazione assistita, ancora in parte vietata in Italia da leggi molto restrittive.

I dati dell’Osservatorio sul Turismo Procreativo, indicano che due coppie su tre si recano nei centri PMA all’estero, per trattamenti più economici e che offrono elevate percentuali di successo.

La maggior parte delle cliniche, sono tecnologicamente all’avanguardia, anche se in molti casi, tutta questa tecnologia si paga a caro prezzo! Questo dato è ancora più interessante, se si pensa che molte di queste coppie si sottopongono a terapie, che teoricamente sarebbero disponibili anche nel nostro paese.

Perché si continua ad andare all’estero?

Gli esperti dunque, cercano di dare una spiegazione affermando che non fossero solo i paletti imposti dalla legge 40 a fermare gli italiani dal rivolgersi ai nostri centri, ma anche la scarsa informazione e all’ignoranza che queste procedure generano. In poche parole, spesso alle coppie non risulta chiaro in Italia, quello che invece nei centri esteri viene ormai quasi dato per scontato. Nonostante la situazione rispetto al passato sia migliorata, in Italia sono ancora poche le coppie che riescono a completare i cicli di fecondazione assistita e ad avere una gravidanza.

Il miglior centro PMA

Tra i tanti centri disponibili all’estero, quelli presenti in Repubblica Ceca vengono considerati come i miglior centri PMA, grazie a costi alla portata di tutti e cliniche avanzate, pronte ad accogliere, anche in lingua italiana, tutte le coppie in cerca di una gravidanza serena.

In questo paese, sono consentite anche pratiche che in Italia sono ancora vietate, come la maternità surrogata o la fecondazione assistita alle donne single. Inoltre, le spese effettuate per le tecniche di fecondazione assistita all’estero si possono detrarre fiscalmente, un vantaggio da non sottovalutare.

Cosa si detrae dalle tasse?

  • Spese sostenute per crioconservare embrioni e ovociti
  • Trattamento per iniezione dello spermatozoo intracitoplasmatica nell’ambito di una procreazione assistita.

Conclusioni

Centri PMA all’estero
5 - voti 3

Conviene ancora andare all’estero? In realtà si, perché nonostante molte pratiche prima vietate dalla legge 40 siano ora ammesse, molte altre sono ancora off limits, inoltre, in Italia i costi sono ancora molto alti e le cliniche sembrano meno attrezzate rispetto a quelle estere.

Paesi esteri più frequentati: Repubblica Ceca, Spagna, Grecia, Austria, Francia, Cipro, Germania, Slovenia, Svizzera.

Perché eseguire il trattamento in Repubblica Ceca?

Ci sono tanti benefici, che la clinica REPROMEDA Biology Park può offire.
Si usano le tecniche di ultima generazione, prezzi sono molto più competitivi e non ci sono le restrizioni legislative come in Italia. A stesso momento la clinica è stata votata come il centro migliore in Europa.

Vorrei altre informazioni